PROMOZIONE:
2 menu risparmi 23 € /
3 menu risparmi 44 € /
4 menu risparmi 66 €

Alimentazione sana

Il microbiota intestinale: un ecosistema dentro a noi

Nel nostro corpo vivono fino a 2 kg di batteri. Questo ci fa capire due cose, che anche quando pensiamo di essere soli in realtà non lo siamo e che il microbiota influenza in modo importante il nostro stato di salute.

Potremmo definire il corpo umano come una sorta di “ecosistema”: i microrganismi sono presenti nel nostro tratto gastrointestinale, così come sulla pelle, nel naso, nella bocca, nelle vie respiratorie, nel tratto urogenitale.

Prima della nascita, il nostro tratto gastrointestinale è scarsamente popolato, dopo la nascita avviene la colonizzazione, che si completa attorno al primo anno di età. All’interno del nostro intestino arriviamo ad avere tra le 1000 e le 5000 specie di batteri.

Il microbiota intestinale ha numerose importanti funzioni, eccone alcune.

  • Funge da barriera nei confronti di ciò che può entrare nell’organismo, lasciando passare solo alcune sostanze.
  • Collabora con il sistema immunitario per il riconoscimento degli organismi patogeni.
  • Metabolizza alcuni nutrienti che le cellule umane non sono in grado di digerire e li trasforma in sostanze che possono essere assorbite dal nostro intestino.
  • Partecipa alla produzione di alcune vitamine, molecole essenziali per la nostra sopravvivenza.

L’equilibrio del microbiota può modificarsi in alcune condizioni, ad esempio l’assunzione di antibiotici, farmaci, alcolici, sostanze tossiche, una dieta squilibrata, elevati livelli di stress o eccessivo igiene.
L’alterazione della flora batterica è chiamata disbiosi. Le disbiosi possono provocare patologie intestinali, come la malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD), il morbo di Chron (IBS), il malassorbimento dei nutrienti, intolleranze alimentari. Oppure portano a patologie extra intestinali, come malattie metaboliche, tumori o infezioni urinarie.

Per alcune patologie è possibile ristabilire la flora batterica grazie al trapianto del microbiota da un organismo sano a quello malato. Grazie a questa pratica non solo possiamo curare alcune disbiosi, ma sappiamo che il microbiota influenza la nostra vita più di quanto potremmo immaginare: con il trapianto possiamo passare da una persona all'altra il livello di obesità e persino il livello di stress.

È importante sottolineare che la nostra flora batterica è fortemente influenzata dall’ambiente in cui viviamo e dalla nostra alimentazione. Alcuni esempi di fattori ambientali che influiscono la composizione del microbiota sono la vicinanza con altri animali oppure il fatto di viaggiare e venire in contatto con culture diverse dalla nostra.

Per quanto riguarda l’alimentazione, essa è un fattore chiave per il corretto funzionamento del microbiota. Mangiando in modo equilibrato favoriamo la proliferazione di specie batteriche che ci fanno stare in buona salute. Il microbiota intestinale è in continua evoluzione, per questo motivo siamo sempre in tempo per migliorare la sua composizione e, di conseguenza, il nostro benessere.

Tutti i post Scegli il tuo menu