PROMOZIONE:
2 menu risparmi 23 € /
3 menu risparmi 44 € /
4 menu risparmi 66 €

Alimentazione sana

Cos’è l’effetto yo-yo e come evitarlo

L’effetto yo-yo, spesso demonizzato nelle pubblicità è, entro certi limiti, un processo fisiologico. Altre volte, è il risultato di una cattiva educazione alimentare.

Il termine “effetto yo-yo” è stato coniato dal ricercatore Kelly Brownell della Yale University e riguarda l’oscillazione del peso che alcune persone riscontrano quando cercano di dimagrire. Si riesce a perdere qualche chilo, ma poi lo si riacquista velocemente, vanificando il lavoro fatto fino a quel momento.

Innanzitutto, non dobbiamo dimenticare che il nostro corpo subisce continuamente delle oscillazioni di peso, che da un giorno all’altro possono raggiungere anche il paio di chili. Vedere dei cambiamenti di peso da un giorno all’altro può far pensare all’effetto yo-yo e dare origine a frustrazione, invece si tratta di un fenomeno fisiologico.

Il vero e proprio effetto yo-yo comporta la difficoltà nel perdere i chili di troppo, che, ciclicamente, ricompaiono. Si tratta quindi di un problema riguardante il periodo di mantenimento successivo alla dieta ipocalorica.

 

Le cause possono essere molteplici, queste sono le principali:

  • Una dieta fortemente ipocalorica che permette di perdere peso nel breve termine, ma, a lungo andare diventa impegnativa da portare avanti. A quel punto entra in gioco l’alimentazione emotiva, cioè il fatto di alimentarsi per provare un benessere psicologico. Inoltre, il corpo sottoposto a stress da dieta fortemente restrittiva, reagisce cercando di accumulare riserve di grasso.
  • Il dimagrimento tramite l’utilizzo di prodotti sostitutivi dei pasti. Essi funzionano nel breve periodo facendo esattamente quello che promettono, ovvero far assumere meno calorie e portare alla perdita di peso. Purtroppo, la maggior parte delle volte, questo tipo di dieta dimagrante non prevede una fase di mantenimento dopo il raggiungimento degli obiettivi di peso. Quindi, o la persona continua ad alimentarsi utilizzando gli stessi integratori, oppure smette di assumerli, torna al regime alimentare che aveva prima dell’inizio della dieta e, di conseguenza, il suo peso torna esattamente come prima.

La difficoltà nel riuscire a mantenere i chili persi può portare ulteriore frustrazione nei confronti del nostro corpo, che, a sua volta può farci entrare in un circolo vizioso di alimentazione emotiva. Il modo migliore per evitare l’effetto yo-yo è quello di dimagrire portando avanti un regime dietetico ipocalorico bilanciato sul nostro fabbisogno, non eccessivamente drastico, ma graduale.

I pasti ben bilanciati, inoltre, evitano il verificarsi di carenze nutrizionali e quindi riducono le improvvise voglie di cibo. Una perdita di peso che rimane tale nel tempo solitamente si ottiene con un dimagrimento graduale. Serve quindi pazienza per poter vedere i risultati sul lungo termine e non pretendere un dimagrimento immediato. Andare da uno specialista dell’alimentazione, che formula una dieta personalizzata e ci segue con costanza permette anche di imparare le basi dell’alimentazione, quali sono le cose che ci fanno male e diventare autonomi nelle scelte quotidiane.

Seguire una dieta significa soprattutto creare delle nuove abitudini alimentari che, ancor prima di farci dimagrire, migliorano la nostra salute.

Tutti i post Scegli il tuo menu